Attualità Pianificazione e controllo della liquidità in un contesto di crisi epidemiologica: il ruolo del CFO  - Chief Financial Officer
Sabato 19 Giu, 2021

Pianificazione e controllo della liquidità in un contesto di crisi epidemiologica: il ruolo del CFO - Chief Financial Officer

Redazione
Redazione
1473 2

“COFFEE TIME LECTURES” è una rubrica curata dal Prof. Andrea Quintiliani, Professore straordinario di Economia degli Intermediari Finanziari, che raccoglie alcune riflessioni sui temi di Economia e di Finanza aziendale all’epoca del Covid-19

In un contesto di crisi, come quello ingenerato dal Covid-19, il ruolo del CFO appare strategico; in particolare, questo è chiamato a salvaguardare la liquidità dell’impresa resiliente. In un’ottica di ottimizzazione delle risorse finanziarie, il CFO deve valutare e gestire tutte le operazioni che impattano sui flussi di cassa (contri-buti a fondo perduto, anticipazioni Cassa Integrazione Guadagni - CIG, utilizzo deicrediti fiscali, etc.).

Atteso che le aziende dovranno garantire i pagamenti, come anche dovranno far fronte alle esigenze della domanda, il CFO dovrà formulare stime basate su diversi scenari di ripresa; inoltre, il CFO dovrà garantire il presidio dei processi di pianificazione, budgeting e di reporting. In questo momento storico l’azienda è impegnata ad affrontare e gestire al meglio le difficoltà contingenti post lockdown, ma al di là delle contingenze il CFO sarà chiamato a sviluppare/costruire modelli finanziari dinamici basati su scenari con il duplice scopo di identificare e prevenire “disruption”, sia in ambito operativo che finanziario, e di valutare la liquidità necessaria alla società nei vari scenari, al fine di poter garantire la propria continuità aziendale. La rapidità di azione sarà fondamentale. Per una proiezione realistica dei flussi di cassa si riterranno auspicabili e opportune le seguenti azioni: i) coinvolgere tutti gli stakeholder, interni edesterni all’azienda; ii) realizzare simulazioni di scenari alternativi di diversa natura (logistica, vendite, fornitori, tesoreria); iii) effettuare simulazioni “what-if”; iv) effettuare analisi di sensitività di tutte le variabili determinanti la PFN - Posizione Finanziaria Netta. Il periodo di incertezza segnato dal Coronavirus impone un ripensamento della pianificazione e dell’analisi finanziaria. L’impatto del Covid-19 sul business e sull’uomo richiede un nuovo approccio alla gestione delle complessità. In presenza di un ambiente di pianificazione in rapida evoluzione, l’azienda dovrà favorire lo sviluppo di un sistema di pianificazione “end-to-end” (da un’estremità all’altra) idoneo a monitorare congiuntamente i dati finanziari e operativi; in altri termini, un sistema integrato di pianificazione strategica, finanziaria e operativa.

La necessità di un sistema integrato di pianificazione è ancor più evidente per la piccola e media impresa (PMI) la cui resilienza aglieventi inaspettati si caratterizza, rispetto alle grandi aziende, per la “velocità” ma non per “l’intensità di reazione”. Molteplici studi definiscono resilienti quelle imprese capaci di rispondere prontamente agli imprevisti. Tali studi sembrano associare la resilienza solo alla rapidità di reazione; tuttavia, l’altro elemento da considerare è l’intensità della reazione. Un’organizzazione resiliente è quella che non solo risponde prontamente a un fenomeno avverso ma che prospera, superando le sfide nel medio-lungo periodo.

In altri termini, il concetto di resilienza non può ritenersi circoscritto esclusivamente al fattore tempo ma deve essere esteso oltremodo alla natura strategica del cambiamento. Il cambiamento, affinché si riveli strategico, ossia produca effetti nel medio-lungo termine, richiede skills, competenze e capacità di analisi che non sempre le PMI possiedono.

Commenti
Autore Commento
Lunedì 21 Giu, 2021 Alessia

In un contesto delicato quale quello attuale(dovuto al Covid 19)è fondamentale che le aziende riescano a rispondere prontamente ed efficientemente ai cambiamenti dell’ambiente esterno per garantire la propria continuità aziendale nel lungo periodo

Autore Commento
Mercoledì 21 Lug, 2021 Milena

Il CFO, soprattutto negli ultimi tempi, è rivestito di un'enorme responsabilità, tanto da dover valutare accuratamente ogni scelta che ritenga opportuno attuare, perché un passo falso, ora come ora, sarebbe fatale. Personalmente credo che, oltre ovviamente ad una revisione della spesa per distribuire al meglio le risorse attuando così una strategia a lungo termine, dovrebbe avviare un processo di simulazione nell'attuazione di soluzioni finanziare, da mettere in atto con tutti i soggetti interessati direttamente e indirettamente all'impresa. Un ruolo fondamentale in questa situazione, secondo una mia riflessione, lo svolgerebbe soprattutto un processo di "comunicazione ottimale", sia interna che esterna, intesa come maggior coordinamento di un'organizzazione aziendale che dovrà essere più dinamica possibile nel poter affrontare le avversità del cambiamento, tenendo a bada le eventuali divergenze, magari integrando figure professionali. Un maggior coordinamento di individui, risorse e coinvolgimento motivazionale, rifletterebbe positivamente anche sulle future scelte finanziarie. Un processo però che, a causa dei costi maggiori che comporterebbe, non tutte le PMI purtroppo potrebbero attuare. In questo caso, gli attori potrebbero trasformare, per un periodo limitato, la relazione di competizione in un rapporto di collaborazione maggiore.

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.