Venerdì 25 Giu, 2021

Il Sommo Poeta verso il Sole

Elio Pariota
Elio Pariota
595 2

Un foglio di titanio e oro fluttuerà tra le stelle il prossimo ottobre. Su di esso l’incisione di una copia della Divina Commedia di Dante Alighieri, a testimonianza dell’Umano Ingegno.

L’Opera del Sommo Poeta – nella quale fin dal XIV secolo si esortava l’umanità a volgere lo sguardo verso le stelle per meglio percepire da lì la propria miseria e la propria grandezza – viaggerà verso il Sole a bordo di una navicella spaziale.

Si tratterà di liberare il foglio di titanio nello spazio, mentre una copia farà ritorno sulla Terra con le firme dei cosmonauti per essere riprodotta in 700 esemplari numerati e certificati.

L’iniziativa porta la firma della casa editrice Scripta Maneant in collaborazione con Human Space Services.Gli alieni sapranno così che su quell’azzurro Pianeta del sistema solare non si è soltanto sviluppata la vita, ma un enorme arsenale culturale a disposizione dei visitatori provenienti da altri mondi.

Commenti
Autore Commento
Venerdì 25 Giu, 2021 Mario Palmiero

A me piuttosto verrebbe da dire “un enorme arsenale commerciale a disposizione della casa editrice”. Che poi per carità, plaudo all’iniziativa della Scripta Maneant (che per l’occasione diventerà Astra Maneant, geniacci del marketing) e sono sicuro che avrà grandissimo successo fosse solo in termini di visibilità, ma vogliamo parlare degli alti ideali e del messaggio di cui sono ambasciatrici nell’universo le sonde Pioneer 10 e 11, o il Programma Voyager del ‘77? Certo sono due iniziative diverse ed è sbagliato fare un paragone, ma proprio perché agli antipodi, non ho potuto fare a meno di metterle assieme. Da una parte una (bella) iniziativa commerciale destinata a bruciare nel Sole, dall’altra un messaggio di pace e di amicizia lanciato verso le stelle - chissà questo forse realmente comprensibile – ad un’altra civiltà del Creato. “Non siamo soli, non siete soli”. Questa è poesia.

Autore Commento
Lunedì 28 Giu, 2021 Vincenzo Merlino

Boh?!?! Non mi appassiona. Anch'io la vedo come una enorme trovata pubblicitaria soprattutto a benefico della casa editrice. Per carità, per celebrare l'anniversario dantesco vanno bene anche iniziative "kafkiane" come queste, ma in definitiva, quand'anche l'Opera arrivasse agli alieni, quest'ultimi l'apprezzerebbero e saprebbero codificare l'Umano Ingegno? Buona settimana. VM

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.