Venerdì 14 Mag, 2021

Pfitzer a casa di Dracula

Elio Pariota
Elio Pariota
1021 2

Vaccinarsi nel Castello di Dracula, nell’ambiente misterioso e angosciante della Transilvania.

È la nuova formula lanciata dalle autorità rumene per attrarre viaggiatori desiderosi di unire l’utile al dilettevole.

Dove l’utile consiste nel farsi iniettare, senza appuntamento, una dose di Pfitzer contro il Covid; il dilettevole sta nell’accesso gratuito alla Camera delle torture - dove sono esposti 52 strumenti medievali - allestita all’interno del fascinoso Castello.

Si tratta adesso di capire se ci sarà la presa d’assalto da parte dei turisti, giacché il Centro vaccinale sarà attivo per un mese e soltanto nei weekend.

Intanto sul certificato vaccinale rilasciato si elogiano “coraggio e responsabilità”, con tanto di promessa di benvenuto al Castello per i prossimi 100 anni.

Un marketing niente male e che può funzionare.

Commenti
Autore Commento
Domenica 16 Mag, 2021 Mario Palmiero

Se vaccinassero tutti quelli che vanno a visitare il Colosseo (pagando il biglietto), ci sarebbe l’assalto che nemmeno i Visigoti nel terzo secolo… Certo non per il Colosseo, ma in questo modo si vaccina la popolazione e si aiutano le casse dello stato. Una grande idea, per un loro monumento iconico. Bravi!

Autore Commento
Lunedì 17 Mag, 2021 Vincenzo Merlino

Condivido, nelle difficoltà occorre aguzzare l'ingegno e cogliere le opportunità e noi, in Italia, ne abbiamo a migliaia di simili contesti. Buona settimana. VM

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.