Studio Erasmus a Napoli: l'esperienza di Sabina Močnik
Giovedì 05 Ago, 2021

Erasmus a Napoli: l'esperienza di Sabina Močnik

Redazione
Redazione
2605 0

Raccogliamo con piacere la testimonianza di Sabina Močnik, studentessa dalla International School for Social and Business Studies (Slovenia), che ha svolto la sua mobilità Erasmus dal presso il nostro Ateneo.

Descrivere la mia mobilità Erasmus a Napoli non è così semplice come sembra poiché la città di Napoli non è la tipica città europea a cui ero abituata prima di visitarla. Di solito l’inizio non è facile, quindi sono stata molto grata di ricevere assistenza e informazioni utilida associazioni locali quali Erasmusland e ESA Napoli che mi hanno aiutato sia nella ricerca dell’alloggio che, in generale, ad orientarmi nella città.

Un forte supporto l'ho ricevuto anche dalle coordinatrici dell'UniPegaso – che sono state costantemente disponibili su WhatsApp, il cheè stato qualcosa di nuovo per me. Mi farebbe piacere che anche la mia facoltà in Slovenia sfruttasse WhatsApp come strumento dicomunicazione tra professori e studenti, perché semplifica molto le comunicazioni.

Un'altra novità per me, sono state le videolezioni pre-registrate. Sono state davvero sorprendenti, in quanto mi hanno consentito diessere flessibile riguardo ai tempi e ai luoghi dove seguire una lezione. Grazie a queste possibilità, ho migliorato le mie capacità organizzative, la competenza nella gestione del tempo e il senso di responsabilità del mio studio. Inoltre, ho fatto enormi progressi nellecompetenze di comunicazione, essendo circondata da studenti italiani molto socievoli e da studenti Erasmus provenienti da tutto ilmondo.Uscire, incontrare nuove persone e confrontarmi con loro ha creato una prospettiva completamente nuova per me, considerando che vengo da un paese dove non si è molto abituati a socializzare quotidianamente. Inoltre, ho avuto l'opportunità di praticare lalingua inglese e imparare alcune nozioni di base dell'italiano, che possono essere utili nel futuro sviluppo professionale.

Ero già stata in Italia, quindi sapevo molto della cultura e della vita quotidiana di questo paese, ma sono rimasta indubbiamenteentusiasta quando ho scoperto il gusto delizioso del cibo e del caffè. Non importa che ora del giorno sia - è sempre tempo di unospuntino o di un caffè. E sapevo che questa sarebbe stata la cosa di cui avrei sentito maggiormente la mancanza al mio rientro.

Il vero sapore della mozzarella, dei pomodori e della pizza, che naturalmente ho mangiato (troppo) spesso. Sono stata molto felice delfatto che il cibo fosse davvero economico e disponibile ad ogni angolo. Napoli è una città così autentica con un popolo dal cuore grande. Sono convinta che sia stata la scelta migliore per svolgere una mobilità Erasmus durante questo periodo di pandemialegato al Covid. Non ho mai percepito un'atmosfera così rilassata, che mi ha aiutata a calmarmi e a diventare meno stressata.

Quest’esperienza mi ha insegnato che il tempo è relativo e non dobbiamo prenderlo così seriamente.Nonostante la maggior parte delle persone non parli molto bene l'inglese, ho veramente apprezzato le situazioni spiacevoli o divertentiin cui mi sono trovata a causa della differenza linguistica, perché ho acquisito molta più consapevolezza del mio mondo e di altreculture.

Nonostante sia dovuta tornare a casa prima del previsto, porterò con me tanti ricordi meravigliosi, amici e nuove conoscenze, chesaranno utili per ulteriori sviluppi personali e lavorativi. Come ha detto un mio coinquilino quando, con malinconia, stavo partendo:"Allafine tutti tornano a Napoli prima o poi".Sicuramente, lo farò anch'io!

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.