Venerdì 20 Nov, 2020

Coesione sociale, la sterile retorica dell'Unione Europea

Elio Pariota
Elio Pariota
252 2

Nel prossimo quarto di secolo il baricentro economico dell’Unione Europea si sposterà ancora più a Settentrione, nel cuore profondo della Germania. I dati dell’Istituto di ricerca di Colonia non lasciano dubbi: nel periodo 2009-2018 il PIL del Nord è cresciuto del 37,2%; quello dell’Est addirittura di quasi il 50% anche se qui si parte da posizioni strutturali più arretrate. Il Sud arranca con un modesto +14,6%.


Che l’Europa prosegua il suo cammino a doppia velocità è cosa nota. Ma il fatto che le prospettive per i Paesi mediterranei (Portogallo, Spagna, Italia, Grecia e così via) siano tutt’altro che incoraggianti da qui a 25 anni ci deve far riflettere.
Per il Sud dell’Unione il momento è cruciale: o saremo in grado di utilizzare al meglio le ingenti risorse finanziarie del Recovery Fund o saremo perduti per sempre.

Con buona pace della sterile retorica sulla coesione sociale risonante nei corridoi del palazzo di Bruxelles.

Commenti
Autore Commento
Domenica 22 Nov, 2020 Mario Palmiero

Purtroppo ci tocca constatare che in questa equazione i fattori sono più solo due, Nord e Sud Europa; dagli ultimi sviluppi anche l’Est si è messo ad alzare la voce, con la Polonia e l’Ungheria che bloccano il Recovery fund (e l’avvio della prima tranche da 20 miliardi per l'Italia) per i veti incrociati del premier polacco Mateusz Morawieckie e del leader ungherese Viktor Orban. E perché? Per l’opposizione al nuovo bilancio comunitario che prevede un meccanismo che condiziona l'esborso dei fondi comunitari verso quei Paesi che non rispettano lo stato di diritto. E certamente tanto Budapest quanto Varsavia hanno già la "fedina" sporca”. Abbiamo voluto l’Europa a 27? Bene, queste sono le conseguenze quando si includono Paesi che non sono pronti, e si dà loro lo stesso peso e lo stesso potere degli altri 25. 2 Paesi (marginali) che ne bloccano 25. Complimenti.

Autore Commento
Martedì 24 Nov, 2020 Vincenzo Merlino

Se Budapest e Varsvia sono così trasparenti e sicuri di non aver bisogno di condizionalità legate al rispetto delle libertà civili e dei diritti umani dei propri cittadini perché si ostinano con atteggiamenti ultra-sovranisti e a tenere sotto ricatto gli altri 25 Paesi dell'Unione Europea? Assurdo! E dire che proprio la Polonia è uno dei paesi europei più colpiti dal Covid-19. Non scherziamo, qui è in discussione uno strumento finanziario di una portata storica senza precedenti pari a 750 miliardi di euro per far fronte all'attuale gravissima sanitaria ed economica. Spero proprio che Polonia ed Ungheria si ravvedano, perché questi "giochini" politici al massacro danneggiano, appunto, anche i loro cittadini. Buona settimana. VM

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.