Sabato 27 Giu, 2020

Covid, l'estate anomala

Elio Pariota
Elio Pariota
648 2

Altro che emergenza finita. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha tirato in ballo persino la famigerata “febbre spagnola” (oltre 50 milioni di vittime intorno agli anni Venti del secolo scorso) per farci comprendere che la seconda ondata autunnale del Covid ci sarà.
Annunci doverosi, ci mancherebbe; ma che fanno naufragare quel minimo di ottimismo necessario a garantirci una parvenza di normalità.
Invece, quest’estate con il freno a mano tirato nulla ha di normale: distanziamenti, sanificazioni, prescrizioni…l’esatto contrario del vivere in piena libertà la nostra vacanza. Ma tant’è.
Armiamoci di pazienza e senso di responsabilità seguendo i protocolli. Senza sottovalutare un nemico silente, invisibile ed insidioso che sarà sconfitto solo con il vaccino.
Il nostro Paese e il mondo intero hanno già pagato un tragico tributo a questa maledetta pandemia.

Commenti
Autore Commento
Domenica 28 Giu, 2020 Mario Palmiero

La seconda ondata ci sarà, camuffata magari dall’influenza stagionale ma ci sarà. Quanto virulenta e diffusa, dipenderà solamente da noi, dal nostro comportamento e dal livello di attenzione che saremo in grado di mantenere nei prossimi mesi. Per questo è un bene che l’OMS mantenga alto questo livello perché fin troppe persone credono di esserne fuori, che sia tutto passato e che adesso (con l’estate!) si sia finalmente tornati alla tanto attesa normalità. E come biasimarli? Sono questi i messaggi che captiamo quotidianamente in televisione e nei telegiornali; un rassicurante invito alla ripresa della vita e - soprattutto - alla ripresa dei consumi. Che poi per carità, è comprensibile, ma troppi ne stanno travisando i limiti. Bene dice l’amico Merlino; nulla è passato e nelle Americhe viaggiamo al ritmo di 50.000 (!) nuovi contagi al giorno. Nelle Americhe, non su Marte. L’estate è iniziata, la mobilità è al massimo, la gente vuole libertà, svago e divertimento: stiamoci attenti che davvero poi su Marte non possiamo emigrare.

Autore Commento
Sabato 27 Giu, 2020 Vincenzo Merlino

Parole "sante" le sue Direttore: "Armiamoci di pazienza e senso di responsabilità seguendo i protocolli. Senza sottovalutare un nemico silente, invisibile ed insidioso che sarà sconfitto solo con il vaccino". Purtroppo, almeno dalle mie parti, non è che si notino tutti 'sti responsabili, anzi...e io mi meraviglio sempre più, ingenuo che non sono altro, come la storia alle persone non insegni proprio nulla (v. "spagnola"), nemmeno quella recente (non mi sembra che il lockdown da pandemia sia finito da molto tempo), ma nemmeno quello che succede fuori dal proprio "provinciale" orizzonte personale (leggasi 50.000 nuovi contagiati ogni giorno nelle Americhe - non mi pare che le Americhe siano su Marte - e, ad oggi, già 500.000 MORTI nel mondo, con cifre sicuramente sottostimate conoscendo le politiche e i regimi di certi Paesi). Se continuiamo di questo passo, probabilmente solo la buona sorte ci potrà salvare da una eventuale seconda ondata di SARS-CoV2. Temo che l'equilibrio e la responsabilità siano parole poche conosciute ai più. A questo punto, speriamo proprio non arrivi la tanto temuta(?) seconda ondata...........buona domenica. VM

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.