L'Editoriale del Direttore I 40enni giovani conservatori di Crepet
Venerdì 05 Ott, 2018

I 40enni giovani conservatori di Crepet

Elio Pariota
Elio Pariota
2176 3

Viziati e apatici, eterni adolescenti coccolati dai propri genitori: sono i tratti distintivi dei 40enni italiani secondo Paolo Crepet, noto psichiatra, sociologo e scrittore. Fatte le dovute eccezioni si sarebbe formata una generazione tendenzialmente pigra, che alle responsabilità preferisce la vita comoda del divano di casa di mamma e papà. Per non parlare delle relazioni sentimentali; convinta dalla rivoluzione digitale che tutto debba essere agevole e istantaneo, avrebbe smarrito il significato di pazienza e riflessione quali capisaldi per durature relazioni di coppia. Insomma un quadro a tinte fosche di un segmento che dovrebbe costituire l’elemento propulsivo di una società. E che invece – lungi da aprirsi a cose nuove – impronterebbe la propria esistenza ad un rigido mantenimento dello status quo. Giudizi troppo severi? Credo siano in larga parte condivisibili. Solo che – con tutto il rispetto all’autorevolezza di Crepet - ascrivere alla cultura digitale comportamenti idonei a far deflagrare i rapporti sentimentali mi sembra un po’ forte. O no?

Commenti
Autore Commento
Sabato 06 Ott, 2018 carmine piscopo

Risposta al Direttore Elio Pariota alla nota “I 40enni giovani conservatori di Crepet” Immagine: quarantenni Caro Direttore, la maturazione umana è un complesso, lungo e delicato processo di autoformazione con il sostegno della saggezza degli adulti che offrono costantemente modelli esemplari di riferimento. L’uomo è la creatura più perfetta in ogni sua minima parte, sublime, stupenda, catturante, al punto da fare innamorare di sé, ad opera compiuta, il suo stesso Creatore; ma, nella sua superba delicatezza, esige lunghi tempi di consolidamento dei suoi cicli evolutivi, a differenza di altri esseri viventi, alcuni dei quali nascono pienamente maturi e completi. Se l’antropocultura di appartenenza non offre l’eccellenza della paideia in maniera personalizzata, noi meschini scienziati dell’educazione, mestiamo polvere nei mortai.

Autore Commento
Sabato 06 Ott, 2018 Rosetta

Il vero problema è, come ha affermato Michel Maffesoli, che l 'era di Prometeo, per molti quarantenni non è mai iniziata e hanno sempre vissuto il tempo di Dioniso, cosicché, se in passato l' azione della maggior parte degli individui era orientata all'azione, al conseguimento di certi ideali, ora molti vivono adagiandosi e idealizzando la realtà, vivono nell'etere presente per godere in rete la dimensione dello stare insieme, dell'hinc et nunc, del qui e ora. In un certo senso, questi nativi digitali quarantenni, si trovano a vivere in una realtà aumentata che nemmeno loro saranno in grado di gestire e di capire, volti alla ricerca di feedback, riconoscimenti, accettazione del consenso per ciò che scrivono o fotografano. In questa dimensione deflagrano i rapporti, scompare l'empatia e l interesse verso l'altro... Se lo psichiatra e sociologo Crepet, una volto posto il problema, consiglia di instaurare rapporti autentici al di fuori della rete, l' unico problema da risolvere è come fare alzare questi quarantenni dal loro comodo divano....

Autore Commento
Sabato 06 Ott, 2018 Elena D Ambrosio

La cultura digitale sicuramente condiziona fortemente la liquidità delle relazioni affettive: Basta un click per chiudere e riaprire una comunicazione, senza impegno alcuno e, soprattutto, senza assumersi delle responsabilità. Il problema è capire cosa ha determinato ciò, perché si decide di restare immobili sul divano? Alla base c'è l'insicurezza, la paura di non riuscire a sostenere un impegno duraturo. Questo deriva dall'educazione della società consumistica e, al contempo, dalla stabilità lavorativa che tarda a venire. Al quarantenne mancano gli elementi per avere fiducia nelle sue possibilità. Sceglie semplicemente la soluzione più comoda e meno rischiosa, quella che gli permette di nascondere la sua debolezza.

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.