Venerdì 02 Ott, 2020

I feti del cimitero Flaminio

Elio Pariota
Elio Pariota
314 2

Roma, cimitero Flaminio di Prima Porta. Qui sono sepolti i feti con i nomi delle madri che si sono sottoposte ad aborto terapeutico.

Nomi di donna affissi sulle croci, ad insaputa delle interessate. Nel più totale spregio del diritto alla privacy; e pure della libertà di culto, giacché nessuna delle donne
aveva specificato qualsivoglia preferenza per la Croce cristiana.

La polemica – tra vuoti normativi e rimpalli di responsabilità - coinvolge il Garante della Privacy, esplode tra le associazioni femminili, negli ospedali e nei servizi cimiteriali; approda nei salotti della politica dove si annunciano interrogazioni parlamentari. Non giriamoci intorno. Qui si tratta di comprendere se uno Stato che si professa laico e non confessionale riesca ancora a garantire l’anonimato alla scelta drammatica di un aborto terapeutico.

Impedendo che essa finisca per tracimare in maniera così disinvolta dall’alveo privato a quello pubblico.

Commenti
Autore Commento
Lunedì 05 Ott, 2020 Vincenzo Merlino

L'ennesima riprova del livello di barbarie della nostra società. Buona settimana. VM

Autore Commento
Domenica 04 Ott, 2020 Mario Palmiero

La cosa più sconcertante è l’assoluta innocenza con la quale i dirigenti dell’AMA, l’azienda municipalizzata che gestisce i cimiteri capitolini, hanno liquidato la questione, ossia affermando che la croce è una consuetudine in mancanza di altre indicazioni (di chi poi, se nessuna delle donne è stata interpellata) e che in assenza di un nome assegnato al feto, "deve riportare alcune indicazioni basilari per individuare la sepoltura da parte di chi la cerca". In sostanza nessuno è stato sfiorato dall'idea che il nome e il cognome di una donna (che si è dovuta sottoporre a un aborto terapeutico) fossero dei dati personali da proteggere e tenere riservati, invece di essere usati come "indicazioni basilari", sbandierati come semplici coordinate geografiche. Il cimitero Flaminio tra l’altro non è nuovo a episodi di una sconcertante gravità. Qualche mese fa il caso di un cittadino romano a cui un’agenzia funebre dopo mesi di attesa ha consegnato un’urna contenente terra e sassi al posto delle ceneri della mamma. Qui non si tratta di comprendere se uno Stato che si professa laico riesca a garantire o meno l’anonimato alla scelta drammatica di un aborto terapeutico; si tratta di prendere coscienza che certe realtà sono in mano alla filiera dell’ignoranza; dal dirigente che scrive un regolamento all’operaio che predispone la sepoltura. E d’altra parte perché stupirsi di un settore storicamente permeato del potere delle famiglie criminali che – credo – certo non fanno della cultura la loro ragion di vita?

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.