Venerdì 25 Sett, 2020

Le libertà di Johnson

Elio Pariota
Elio Pariota
432 2

Ha fatto bene il nostro Capo dello Stato a ricordare a Boris Johnson che l’Italia ama la libertà, ma ha cuore pure la serietà e la responsabilità collettiva.
Con garbo, fermezza e autorevolezza Sergio Mattarella ha rispedito al mittente – cioè all’inquilino di Downing Street - quella illazione sulle difficoltà del popolo inglese ad obbedire in modo uniforme alle restrizioni anti-Covid in quanto alfiere delle libertà.

Quasi che in Europa il pensiero libero fosse un illustre sconosciuto. Di quale libertà parla Boris Johnson? Di quella di disconoscere i principi basilari del distanziamento in piena
pandemia? Di quella di violare le regole di cautela sanitaria? Di quella di poter infrangere quel diritto alla salute che è uno dei tanti pilastri edificati dalle democrazie europee?

“La libertà propria termina dove inizia quella altrui”. Un concetto non infinito, bensì parziale, che abbiamo sentito tante volte. Ma che in questa stagione di Coronavirus suona più o meno così: la libertà non è diritto di far ammalare gli altri.

Prima ce ne convinciamo, meglio sarà per tutti.

Commenti
Autore Commento
Domenica 27 Sett, 2020 Mario Palmiero

Almeno è consolante constatare come la faccia di bronzo sia una caratteristica universale di tutti i politici e non solo un fenomeno tutto nostrano. Da quale pulpito, davvero è il caso di dirlo, da chi anzi dovrebbe ringraziare il Belpaese, dal momento che uno dei medici che gli ha salvato la vita dopo essere stato ricoverato per Covid-19 è un calabrese, il dott. Luigi Camporota. E qui, una considerazione personale che poco ha a che fare con il tema di oggi ma che mi piace porre sempre all’attenzione quando ne ho la possibilità. Luigi Camporota, originario di Catanzaro, pneumologo laureato nel 1995 in Italia prima di trasferirsi nella City, dove è diventato uno dei migliori in questo campo. Il Times, come ha ricordato Pino Nisticò ex presidente della Regione Calabria, ha addirittura definito Camporota "un’eccellenza nel campo della terapia intensiva e della cura delle malattie respiratorie". Un’eccellenza, appunto, un’altra eccellenza formata in Italia e volata all’estero, per la gioia di tutti i calabresi che per farsi curare dovranno accontentarsi di una sanità nepotistica e impreparata, in strutture fatiscenti e obsolete.

Autore Commento
Sabato 26 Sett, 2020 Vincenzo Merlino

Sono assolutamente d'accordo con lei Direttore. In più da che pulpito arriva la predica e la sbandierata libertà di Mr. Johnson!?! La libertà e il liberismo inglese si alimentano forse con la Brexit, l'isolazionismo o vendendo armi a Paesi da sempre promotori dell’assolutismo e del dirigismo statale per rientrare dal deficit commerciale del regno Unito? Diciamo pure che questa "sparata" è una sorta di protezione personale per nascondere in maniera molto poco elegante e patetica la sua incapacità politica di tutelare i suoi concittadini e se stesso (visto che si è ammalato di COVID-19 un attimo dopo essersene uscito con l'ennesima fesseria dell'immunità di gregge di stampo negazionista). Fortuna il nostro Presidente della Repubblica Italiana che con tutta la calma, i toni pacati e l’eleganza che lo contraddistinguono, ha risposto per le rime al "nostro" saccente e borioso fenomeno che dovrebbe almeno scusarsi pubblicamente con gli Italiani. Buon fine settimana a tutti. VM

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.