L'Editoriale del Direttore L'editoriale del direttore Elio Pariota: Il virus dell'intolleranza
Sabato 28 Lug, 2018

L'editoriale del direttore Elio Pariota: Il virus dell'intolleranza

Elio Pariota
Elio Pariota
2722 3

“L’Italia non diventi un Far West”. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sull’ondata di odio verso gli stranieri che ha prodotto nell’ultimo mese e mezzo ben dieci ferimenti da pistole ad aria compressa e fucili a piombini.

Le vittime vanno dalla bimba rom di 14 mesi all’operaio caboverdiano, uniti dal loro status di non italiani nella tragica visione dei carnefici.

Di questa triste regressione della nostra civiltà ne fanno le spese anche le donne, gli islamici, gli ebrei. L’insulto nella Rete diventa la regola, il tweet violento discrimina e condanna.

La Mappa dell’intolleranza – un progetto ideato da Vox che coinvolge l’Università Statale di Milano, l’Università di Bari, La Sapienza di Roma e il Dipartimento di Sociologia della Cattolica – ha messo in luce un dato inquietante estrapolandolo dall’utilizzo dei social: un italiano su tre nell’ultimo anno ha twittato il suo odio contro migranti, ebrei e musulmani.

Un virus contagioso quello dell’intolleranza. Che prolifera indisturbato in una società priva dei necessari anticorpi.

Commenti
Autore Commento
Sabato 28 Lug, 2018 Simona

La tolleranza dovrebbe essere materia scolastica fin dalla scuola d'infanzia. Anche se non lo è mai stata io ricordo perfettamente la mia adorata "maestra delle elementari" che "donava" lezioni in tal senso additandoci fatti storici concreti. Mia figlia per questo motivo è iscritta ad una scuola non laica anche e solo per il semplice fatto che è spiccato nel progetto formativo dell'istituto che frequenta la chiara matrice di accoglienza (e non solo tolleranza). Saremo così civili (dal civis greco) da riappropriarci laicamente di questa bellissima parola per poi trovare un modo concreto per trasmetterla alle nuove generazioni? Il mio sogno (non utopia) è che si possa realizzarlo attraverso l'agenzia educativa primaria della famiglia e poi attraverso scuola e altre istituzioni educative. Siamo custodi del passato che non abbiamo vissuto e che tanto dovrebbe averci insegnato. La mia paura è che in tanti lo percepiscano come troppo lontano.

Autore Commento
Domenica 29 Lug, 2018 adami antonio

illustre Prof Pariota, due mesi fa le ho mandato una email con la copia della lettera ricevuta dalla segreteria del presidente della repubblica contattato perche sono stufo di subire dal sistema scolastico italiano il fatto che per soli due esami iscrivendomi da voi e da chiunque altro mi fossi iscritto ho perso un anno in economia e un anno in ingegneria, quando i crediti scolastici invece sono riconosciuti e calcolati sugli esami di tutte l'annualita dell'intero ciclo scolastico, quindi chiedevo il riconoscimento di cicli unici invece di annualita' agli studenti che hanno crediti avendo fatto gia esami in altre universita' e mi e' stato risposto che e' di competenza del ministerodell'istruzione e mi consigliavano poi a seguito dimia telefonata di avere una lettera di benestare universitaria e una raccolta firme per meglio presentare la domanda, ma voi tutti della pegaso nemmeno mi avete risposto e allora ho messo tale richiesta sulla piattaforma russeau del movimento cinque stelle

Autore Commento
Mercoledì 01 Ago, 2018 riccardo

Buonasera... vi scrivo la presente in quanto non voglio lasciare un commento, ..... vorrei avere un vostro appoggio in merito alle nuove e vecchie NTC 2018 e NTC 2008... Vi lascio il mio contatto telefonico per avere notizie di adesione sulla pubblicazione di alcuni imperfezioni sulle due norme.... saluti geom. Pisano Riccardo 339 25 44286

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.