L'Editoriale del Direttore Piccolo grande Matteo, inventore di petaloso
Sabato 27 Feb, 2016

Piccolo grande Matteo, inventore di petaloso

Elio Pariota
Elio Pariota
8489 4
E’ dunque “petaloso” la parola destinata ad entrare nel nostro lessico quotidiano. L’avrà inventata qualche geniaccio della semantica oppure il più estroso dei letterati? Macché. L’aggettivo è partorito dalla fertile immaginazione di Matteo, un bambino ferrarese di 8 anni, che non voleva far altro che descrivere un fiore con tanti petali durante il suo esercizio di grammatica. Di certo non avrebbe mai immaginato che la costruzione disinvolta e innocente di quella parolina magica sarebbe riecheggiata nelle austere stanze dell’Accademia della Crusca. La quale ha inopinatamente risposto che sì, si tratta di una parola chiara e bella, ma che per entrare nel nostro vocabolario necessita di essere utilizzata da un gran numero di persone. Alla maestra di Matteo è bastato postare questo verdetto per scatenare il popolo di Facebook. Sicché “petaloso” è diventato virale. Al punto che un altro Matteo, stavolta ben più autorevole e titolato del baby-inventore, ha cinguettato su Twitter il proprio omaggio al bimbo. Qualcuno non ha gradito l’intrusione del Premier. Suvvia. Il bel gesto di Renzi nei confronti del piccolo Matteo ci sta tutto. Complice, forse, l’intimo vezzo di portarne lo stesso nome.
Commenti
Autore Commento
Domenica 28 Feb, 2016 AMERIGA

iL FIORE PETALOSO E LA DIZIONE "PETALOSO": è stato usatoil termine in occasione della presentazione della fiera del benessere a Bolzano.

Autore Commento
Sabato 27 Feb, 2016 monica

Sono d'accordissimo con Mirko: abbiamo una delle lingue più ricche e belle del mondo, ma perchè le maestre non insegnano l'italiano invece di farsi pubblicità in questi modi.... Ma vi rendete conto di quanti bambini inventano ogni giorno nuove parole?

Autore Commento
Sabato 27 Feb, 2016 Fabrizio

Il #petaloso è più virale della nuova fidanzata di Berlusconi sui social... Che non è un male

Autore Commento
Sabato 27 Feb, 2016 Mirko

Perché non usare sempre più termini italiani nel nostro vocabolario? Ad esempio ”salvataggio interno” per ”Bail in”, proprio come consiglia l'Accademia della Crusca?

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.