L'Editoriale del Direttore Ridateci E.T.
Venerdì 14 Feb, 2020

Ridateci E.T.

Elio Pariota
Elio Pariota
813 2

Più che affannarci a cercarli tra miliardi di stelle guardiamo a casa nostra.

Gli alieni potrebbero essere già tra noi da tempo; solo che non li possiamo vedere, o perché microscopici o perché rispondono a caratteristiche genetiche non codificate.

Parola di Helen Sharman, chimica e primo astronauta inglese a raggiungere la stazione spaziale Mir nel 1991.

Insomma altro che umanoidi. Qui si parla che gli alieni potrebbero avere le dimensioni di una cimice, magari essere fatti di silicio e non di carbonio. Se così è, valli a scovare.

Con oltre 100 milioni di dollari la NASA finanzia il più importante progetto di ricerca sull’argomento. Tuttavia i postulati hanno il limite di essere costruiti con criteri e conoscenze umane.

Dunque la strada è ancora lunga.

A noi invece tocca relegare in soffitta il sogno di un incontro ravvicinato con un alieno nelle forme idealizzate da Steven Spielberg.

Sarà pure così, ma che tristezza.

Ridateci il nostro E.T.

Commenti
Autore Commento
Domenica 16 Feb, 2020 Mario Palmiero

Una visione poco romantica e molto scientifica. Ma tant’è. Certo per noi è difficile staccarci dall’idea antropomorfa degli alieni ma, d’altra parte e alla fin fine, perché dovremmo farlo? La risposta secondo me è in un’altra domanda: cosa sono gli alieni per noi, che non siamo scienziati? Dal primo romanzo di fantascienza in epoca moderna - “Real and Imaginary Worlds” dell’astronomo francese Camille Flammarion che nel 1864 racconta di pianeti con piante senzienti ed umanoidi con più braccia - fino ai più recenti Star Wars passando per tutta una produzione letteraria che ha dato il via ad una cosmogonia di universi, specie, società e tecnologie, gli alieni - credo -sono sempre stati uno strumento di evasione dalla realtà della propria condizione. I viaggi interstellari della nave Enterprise cosa sono se non il desiderio del viaggio fuori della Terra, dell’esplorazione, dell’immaginifico desiderio di trovare dell’altro che non sia solo guerra, difficoltà e miseria. Gli alieni sono un desiderio, un’evasione e, quindi, lasciamo alla NASA e alla scienza il compito di investigarne la vera natura, e teniamoci i nostri sogni. I nostri E.T.

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.