Venerdì 05 Giu, 2020

Medici italiani, la grande fuga

Elio Pariota
Elio Pariota
585 2

Medici in fuga dall’Italia. Leggo che negli ultimi 8 anni circa 9000 camici bianchi hanno preso la via dell’estero. Gran Bretagna, Germania, Svizzera e Paesi Scandinavi le destinazioni preferite. Il «Rapporto 2020 sul coordinamento della finanza pubblica» rilasciato dalla Corte dei Conti non lascia spazio a equivoci.

E neppure l’OCSE, che nel 2018 fece un po’ di comparazioni tra gli stipendi dei medici nostrani e quelli dei colleghi stranieri: dalla nostra Penisola si sbaracca perché a fronte di una retribuzione media annua lorda di 80.000 dollari se ne percepiscono, ad esempio, oltre 156.000 in Germania e quasi 150.000 nel Regno Unito.

Senza contare che i giovani sono chiusi dai più anziani (l’età media dei medici specialisti italiani è pari a 55 anni); dunque l’estero rappresenta la proiezione più ovvia per lo sviluppo della carriera.

E pensare che durante il Covid i nostri ospedali hanno patito carenze nel personale medico richiamando pensionati e gettando nella mischia freschi laureati. Paradossi che fanno riflettere.

Commenti
Autore Commento
Domenica 07 Giu, 2020 Vincenzo Merlino

Esatto Direttore, fa riflettere come questi nostri medici non siano valorizzati in patria, ma apprezzati all’estero. Depauperiamo così, e con gli interessi (v. appunto l'ultimo caso, il COVID), un capitale umano e professionale determinante per il nostro paese, che dopo aver cresciuto e formato, con i sacrifici economici e non, di famiglie, università e Stato italiani, "regaliamo" all'estero. E’ necessario invertire questa negativa tendenza. Buona settimana. VM

Autore Commento
Sabato 06 Giu, 2020 Mario Palmiero

Il problema, Direttore, è che questa cosa non è certo una novità ma sono decenni che si riflette, e si riflette, e si riflette... Ma se tutto questo resta immutato vuol dire evidentemente che non c’è una reale volontà di cambiare uno status quo che è voluto, e anzi fortemente difeso da un sistema di interessi personalistici fatti di baronati, di sfere di influenza e soprattutto di interessi economici diffusi. Ogni tanto la questione torna agli onori della cronaca come in questo periodo di Covid dove magicamente ci si guarda intorno con ingenuo stupore e si esclama “Oh, ma non ci sono medici, che vergogna, proprio noi che formiamo l’eccellenza dei professionisti nel mondo!”. E parte puntuale la solita giostra delle ipocrisie prontamente cavalcata da un mare di ruffiani, politici e opinionisti in cerca di visibilità. Poi, passato il Santo passata la festa, e tutto finirà nel dimenticatoio di quello che è stato, magari perso dietro a qualche gossip o minutaglia legislativa come la tassa sulla plastica che, prima del Covid, aveva assorbito l’attenzione di tutti nemmeno fosse la soluzione ai mali del mondo. Se una Sanità corrotta e corruttibile in mano alle Regioni si conferma ogni giorno un disastro con nuovi scandali e disonestà, se si alzano mille barriere per far lavorare i giovani medici o solo per consentire l’accesso alle specializzazioni, se graduatorie astruse ed enigmatiche decretano quasi arbitrariamente la vita e la morte dei candidati, se chi già lavora diventa un asso pigliatutto mentre giovani capaci vengono sottoccupati a 12 euro l'ora presso qualche clinica privata (se riescono a trovarla), ma di che cosa stiamo parlando? Bene ha detto il direttore Mario Giordano la scorsa settimana nella sua trasmissione Fuori dal coro: “Bisognerebbe vietare per legge l’uso del gerundio a tutti i politici. Stiamo facendo… stiamo studiando… stiamo pensando… Basta! Che usino il passato prossimo. Abbiamo fatto!”.

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.