Venerdì 19 Feb, 2021

Vaccini e varianti, si faccia presto

Elio Pariota
Elio Pariota
325 1

Prima la variante inglese, poi la sudafricana, in seguito la scozzese e adesso la napoletana. Questo Covid sembra farsi beffe delle nostre strategie. Sta giocando come il gatto col topo.

A noi, che medici non siamo, ci assale l’ansia. Da un lato non facciamo in tempo a familiarizzare con le caratteristiche di questo o di quel vaccino che già se ne prospetta una limitazione della sua efficacia; dall’altro abbiamo la sensazione – forse sbagliando – che la nostra squadra di virologi non sempre sia allineata sul da farsi. 

Una cosa però appare chiara: l’unica via per tirarci fuori da questo incubo è la vaccinazione di massa. Purché si faccia presto. Il traguardo dell’immunità di gregge non è dietro l’angolo.

Commenti
Autore Commento
Lunedì 22 Feb, 2021 Mario Palmiero

Come noi il virus vuole vivere, ed è per questo che muta e muta, sempre alla ricerca di ospiti per garantirsi la sopravvivenza. È più importante capire come funzionano queste mutazioni piuttosto che contarle una ad una, e l’unico modo per fermare il virus in ogni sua forma è fargli terra bruciata intorno. Due cose sono veramente importanti: i comportamenti responsabili e le vaccinazioni. Questo è il messaggio fondamentale. Si rischia altrimenti il panico, il disagio o i fraintendimenti. La scienza deve fare quello che deve e anche l’individuo, ma nessuno si salva da solo.

Lascia un Commento
Commento inviato con successo! Ricarica la pagina.