Finalità

Il Master si propone di fornire agli iscritti gli strumenti di analisi ed apprendimento per essere in grado di supportare imprese ed enti pubblici negli adempimenti normativi e di realizzazione di sistemi di controllo idonei a ridurre l’incidenza di fenomeni devianti.

L’obiettivo è quello di formare i futuri dirigenti responsabili della prevenzione della corruzione (RPC) e della trasparenza (RPT), ovvero fornire ogni elemento utile al corretto svolgimento delle delicate funzioni prescritte dalla normativa in materia, anche in relazione ai profili di inconferibilità e incompatibilità.

Il Master sulla disciplina dell’Anticorruzione intende:

- Incrementare le conoscenze e le competenze dei responsabili dell’area dell’“Anticorruzione” e “Trasparenza”, tenendo conto dello specifico ambito in cui gli stessi si collocano (settore pubblico, civile e militare/soggetti di diritto privato a vario titolo tenuti all’applicazione della normativa);

- Formare consulenti e professionisti in grado assistere i soggetti coinvolti nei procedimenti diretti a verificare l’incompatibilità e l’inconferibilità. Esame del sistema sanzionatorio, delle procedure di competenza dell’ANAC e del RPC. L’accesso civico.

- Esaminare il ruolo del PNA, del PTC e delle delibere e degli orientamenti ANAC. Approfondimento di specifici “case history”;

- Sviluppare le capacità manageriali (gestionali, etiche, giuridiche, informatiche, organizzative e strategiche) combinando il ruolo del RPC e del RPT all’interno di strutture complesse con un rigido riparto delle competenze.

Strumenti didattici

Una volta perfezionata l’iscrizione, il corsista riceve le credenziali necessarie per accedere alla piattaforma telematica “PegasOnLine”, dove potrà reperire tutti gli strumenti didattici elaborati e a sua disposizione 24h su 24h:

  • Lezioni video on-line;
  • Documenti cartacei appositamente preparati;
  • Bibliografia;
  • Sitografia (link di riferimento consigliati dal docente per approfondimento);
  • Test di valutazione.

È prevista una prova finale scritta in presenza.

Gli esami si terranno presso la sede di Napoli. Ulteriori appelli d’esame si terranno nelle città di Palermo, Roma, Bologna, Torino, previo il raggiungimento di un numero minimo di candidati pari a 50.
 

Titoli per l'ammissione

Sono richiesti i seguenti titoli di ammissione:

  • diploma di laurea quadriennale del previgente ordinamento;
  • diploma di laurea triennale e/o laurea magistrale.