Il Master è finalizzato alla formazione di tecnici specializzati nella valorizzazione del patrimonio culturale, in particolare archeologico e architettonico, anche tramite l’utilizzo di strumenti e tecniche multimediali.

In tal senso risponde all’esigenza largamente avvertita di affiancare alle azioni di tutela e conservazione del patrimonio, azioni che ne consentano la fruibilità da parte dei cittadini e, al contempo, contribuiscano ad incrementarne il valore economico.

Data la natura multidisciplinare del corso, il percorso formativo è basato su un ampio spettro di discipline: architettura, archeologia, ingegneria edile, economia, giurisprudenza, informatica.

Il Master forma una figura di operatore tecnico in grado di intervenire nei diversi ambiti di valorizzazione del patrimonio culturale: parchi archeologici, musei, manufatti e complessi di pregio architettonico.

Tematica SSD CFU
Storia dell’architettura moderna ICAR/18 10
Disegno architettonico ICAR/17 10
Archeologia e Parchi archeologici L-ANT/07 10
Diritto dei beni culturali IUA/10 5
ICT e beni culturali ING-INF/05 10
Programmi e finanziamenti europei SECS-P/07 10
Prova finale 5

L’erogazione del Master si svolgerà in modalità e-learning, con piattaforma accessibile 24 ore/24.

Il modello di sistema e-learning adottato prevede l’apprendimento assistito lungo un percorso formativo predeterminato, con accesso a materiali didattici sviluppati appositamente e fruibili in rete e ad un repertorio di attività didattiche interattive, individuali e di gruppo, mediate da computer e guidati da tutor/esperti tecnologici e di contenuto, in grado di interagire con i corsisti e rispondere alle loro domande. Lo studio dei materiali didattici digitali (video lezioni dei docenti con animazioni grafiche) e a stampa (dispense e/o testi) avviene di regola secondo tempi e disponibilità del singolo corsista durante le 24 ore della giornata.

Ai corsisti vengono richiesti i seguenti adempimenti:

  • Studio del materiale didattico appositamente preparato;
  • Superamento dei test di autovalutazione somministrati attraverso la piattaforma PegasOnline;
  • Partecipazione alle attività di rete;
  • Superamento della prova finale che si svolgerà in presenza.

Gli esami si terranno presso la sede di Napoli e Roma. Previo il raggiungimento di un numero minimo di candidati pari a 50 gli esami potranno essere svolti nelle sedi d'esame, in Italia, dell'Ateneo.
 

Sono richiesti i seguenti titoli di ammissione:

  • diploma di laurea triennale o specialistica o magistrale.