Donna e medicina di segnale, un approccio innovativo - (In collaborazione con Nurse24 e SMM srl)

La Medicina di Segnale è un approccio innovativo alla cura che è critico verso la soppressione farmacologica dei sintomi, perseguendo invece una vera guarigione attraverso la rimozione delle cause reali di malattia.

Gli strumenti principali su cui si lavora sono l’alimentazione, l’integrazione naturale, il movimento fisico e gli aspetti psicologici e sociali. Il Master è dunque rivolto ai medici di ogni specialità, in primis, che hanno a che fare con la salute della donna in ogni sua età: pediatri, dietologi, ginecologi, geriatri, endocrinologi, diabetologi,  immunologi, medici di medicina interna, estetica e generale, psichiatri, ortopedici, gastroenterologi ecc.

Molti altri professionisti non medici, tuttavia, si occupano di queste problematiche: dagli psicologi alle ostetriche, dagli infermieri ai biologi nutrizionisti, dai fisioterapisti ai farmacisti: sono in tanti che potranno trarre vantaggio dalla conoscenza di un diverso paradigma della medicina  che considera la donna, e la persona in generale, nella propria integrità e non come la somma di organi staccati e indipendenti.

Tematica SSD CFU
La Medicina di Segnale – Inquadramento generale 8
Cibo e salute della donna 7
Le età della donna 7
La bellezza e il benessere della donna) 7
Patologie specifiche 7
Oltre il segnale 8
Modulo Sicurezza 0
Seminari/esercitazioni 8
Esame finale test a risposta multipla 8

Il Master “Donna e medicina di segnale, un approccio innovativo” ha come finalità quella di fornire ai discenti - che siano medici, psicologi, ostetriche, infermieri, biologi nutrizionisti, fisioterapisti o farmacisti – la conoscenza di un diverso paradigma della medicina che considera la donna (e la persona in generale) nella propria integrità e non come la somma di organi staccati e indipendenti, avendo cura di lavorare su strumenti principali quali alimentazione, integrazione naturale, movimento fisico e aspetti psicologici e sociali.

Laureati in medicina e chirurgia, tutti i laureati in professioni sanitarie e biologie.

  • Videolezioni per l’approfondimento teorico anche mediante messa a disposizione di bibliografie e webgrafia etc. oltre appunti e documenti per l’acquisizione della competenza pratica. Inoltre, somministrazione di test di autovalutazione. Workshop/tirocinio

Ai corsisti vengono richiesti i seguenti adempimenti:

  • Studio dei materiali didattici (video e scritti)
  • Superamento dei test di autovalutazione attraverso la piattaforma Pegaso
  • Partecipazione alle attività di esercitazioni pratiche in presenza
  • Superamento della prova finale in presenza

Sono richiesti i seguenti titoli di ammissione:

 Laurea Medicina e Chirurgia e lauree nelle professioni sanitarie.