Master in Management nelle organizzazioni sanitarie

Finalità

Con la locuzione “Management e coordinamento delle professioni sanitarie”, si intende il Master di cui all’art 6, comma 1, lettera “b” della legge 1° febbraio 2006 n. 43, per l’accesso alle funzioni di coordinamento.

Il Master universitario ha lo scopo di creare qualificate competenze professionali, sia teoriche che applicative, in materia di sanità pubblica, di organizzazione e gestione sanitaria. Gli aspetti istituzionali e normativi (L. 43/06 - Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini professionali - GU n. 40 del 17-2-2006) che cambiano e la crescente complessità organizzativa, si riflettono sulle funzioni di chi opera nell’azienda ospedaliera. Oggi si delinea pertanto il bisogno di gestire il processo di cambiamento come capacità di adattare le modalità organizzative all’evoluzione della domanda del servizio sanitario.

La formazione manageriale diventa quindi gestione dell’attesa, soluzione del problema e ampliamento delle competenze di sviluppo

nelle capacità gestionali. Di conseguenza questo master offre l’opportunità di sviluppare conoscenze di management, valorizzare esperienze e confrontarsi attraverso l’individualità lavorativa anche con i docenti. A tal fine si rende necessaria la conoscenza di sviluppo di programmi organizzativi e di ottimizzazione delle risorse umane.

La comunicazione in questo percorso formativo verrà trattata come comunicazione “pubblica” mirante a stimolare il dialogo tra cittadinanza, organizzazione sanitaria ed amministrazione. Al fine di acquisire una rilevanza strategica per la diffusione e l’informazione scientifica di reti di promozione di salute, i programmi di formazione continua verranno trattati nell’ottica del sistema sanitario regionale.

Il filo conduttore del programma formativo inciderà, quindi, su tre aree conoscitive: conoscenze di base, abilità operative e metodologiche, comportamenti ed atteggiamenti negli stili relazionali.

Titoli per l'ammissione

Sono richiesti i seguenti titoli di ammissione:

  • diploma di laurea quadriennale del previdente ordinamento;
  • diploma di laurea triennale e/o laurea magistrale;

Ai sensi e per gli effetti dell’Art 1, punto 10 della Legge 08 gennaio 2002, n. 2, al corso possono essere ammessi anche coloro che sono in possesso di diplomi, conseguiti in base alla normativa precedente, dagli appartenenti alle professioni sanitarie di cui alle leggi 26 febbraio 1999, n. 42, e 10 agosto 2000, n. 251 e 01 febbraio 2006 n. 43, che risultino iscritti all’albo professionale, ove previsto.