Finalità

La mediazione penale e penale minorile è un’attività in cui un terzo neutrale, il mediatore, ha il compito di favorire la comunicazione tra due o più soggetti ( anche minori) in conflitto, con esiti più costruttivi della giustizia penale. L’ applicazione del sistema di mediazione penale minorile ha consentito di armonizzare competenze giuridiche, pedagogiche, psicologiche e metodologiche assicurate dai diversi professionisti che interagiscono nel contesto giudiziario con il fine ultimo di favorire percorsi di risocializzazione dei minori autori di reato. Negli anni più recenti, la mediazione si è affermata in diversi ambiti familiare, civile, sociale, culturale, penale e si stà rivelando di particolare utilità nel settore della giustizia minorile. Il corso di mediatore penale e penale minorile ha l’obbiettivo di formare gli operatori in metodologie efficaci nella gestione delle procedure di mediazione penale.

Sbocchi professionali:

Il mediatore minorile é un professionista chiamato a svolgere il proprio  ruolo professionale sia all’interno del sistema della Giustizia Penale sia all’interno di  strutture  educative e rieducative. Lo sbocco professionale per questa figura è pertanto rappresentato dall’impiego presso i Servizi di Mediazione pubblici e privati presenti sul territorio Nazionale. Può operare all’interno di equipe costituite da operatori giuridici e psicosociali qualora l'intervento tecnico di mediazione venga richiesto da:

  • il Procuratore della Repubblica c/o il Tribunale per i minorenni
  • il Tribunale per i minorenni (Collegi GUP  e di dibattimento)
  • dai servizi minorili della Giustizia e dagli Enti locali,
  • dai legali delle parti
  • dai diretti interessati 

Titoli per l'ammissione

  • Diploma di laurea quadriennale del previgente ordinamento
  • Diploma di laurea triennale e/o laurea magistrale.