Serve Aiuto?

Richiedi Info

Accedi alle aree di Studio

  • Codice:
  • Indirizzo:
  • Città
  • Responsabile/i:
  • Telefono:
  • E-Mail:

Invia Messaggio

Laurea in Management dello Sport e delle Attività Motorie

ISCRIVITI

Iscriversi è davvero facile e puoi farlo comodamente da casa, sia on-line con modalità e-commerce, sia in maniera tradizionale attraverso l'apposita documentazione da scaricare ed inviare a mezzo posta. In alternativa, se vorrai, potrai recarti presso uno dei nostri centri d'orientamento in Italia o direttamente in sede per farti assistere nella procedura d'iscrizione che avrai scelto.

INFORMAZIONI DEL CORSO DI LAUREA

Anno Insegnamento Codice CFU
1 Metodi e didattiche delle attivita' motorie M-EDF/01 10
1 Economia aziendale SECS-P/07 15
1 Strumenti informatici per lo sport INF/01 10
1 Gestione dei gruppi sportivi M-PSI/01 10
1 Diritto amministrativo sportivo IUS/10 15
2 Metodi ed organizzazione di attivita' ludico-sportive M-EDF/02 10
2 Economia e gestione delle imprese sportive SECS-P/08 15
2 Statistica medica MED/01 5
2 Insegnamento a scelta 10
2 Ulteriori conoscenze linguistiche 3
2 Tirocinio formativo e di orientamento 5
2 Prova finale 12

Insegnamenti a scelta

Insegnamento Codice CFU

I Laureati di questa classe devono essere in grado di individuare le caratteristiche che consentono di analizzare la nascita e la gestione economica delle imprese, delle società e delle associazioni sportive, le metodologie di collegamento delle specifiche aree funzionali (produzione, ricerca e sviluppo, marketing, organizzazione, pianificazione, ecc.) con le problematiche che i tecnici sportivi ed i manager del settore si trovano ad affrontare in contesti fortemente competitivi. Nell'evoluzione che investe il settore dello sport, offerta privata ed offerta pubblica devono gestire una complessità nuova che implica non soltanto la fornitura di servizi in grado di rispondere adeguatamente alla domanda, ma anche l'implementazione di processi di reperimento di risorse finanziarie che consentano la continuità di offerta degli stessi e quindi essere a conoscenza dei principali sistemi di contabilità e di bilancio. I Laureati di questa classe devono essere in grado di gestire le organizzazioni e di capirne il funzionamento, in particolare fornendo: le basi di valutazione del rapporto tra individuo, gruppi e organizzazione ovvero le teorie e i modelli di management delle Risorse Umane; gli elementi per comprendere come l'organizzazione possa essere progettata per conseguire risultati definiti; un quadro interpretativo delle moderne teorie alla luce dell'evoluzione economica e sociale in atto; capire il funzionamento delle organizzazioni nelle realtà sportive, sia quelle professionistiche degli sport di vertice che quelle dilettantistiche, senza tralasciare altre realtà organizzative come i gestori di: impianti sportivi, piscine, centri fitness, etc. D'altra parte il sistema delle imprese, attraverso le sponsorizzazioni, vede lo sport come veicolo di immagine. In proposito è previsto l'approfondimento delle applicazioni delle tecnologie multimediali allo sport. Lo sviluppo del Corso di Laurea Magistrale intende preparare risorse umane nell'ambito dell'organizzazione e gestione delle attività sportive nonché delle attività motorie, con lo scopo di coordinare e gestire limitate risorse umane e materiali, tecnologie innovative e strumenti di comunicazioni per la produzione e lo scambio efficiente di servizi nello sport. Più in particolare obiettivi formativi specifici riguardano: a) Contesto istituzionale - acquisire la piena conoscenza delle strutture istituzionali operanti nello sport, comprese le associazioni non riconosciute e quelle di volontariato, ed in generale le organizzazioni sportive; - acquisire la conoscenza degli strumenti e degli assetti istituzionali dell'informazione e della comunicazione; - acquisire la conoscenza dell'ordinamento giuridico sportivo; - acquisire la conoscenza delle organizzazioni pubbliche afferenti con lo svolgimento delle attività sportive, degli sponsor e delle altre organizzazioni produttive, ed essere in grado di collocare detta conoscenza in un contesto sociale. b) Contesto operativo - acquisire conoscenza e capacità di elaborazione ed implementazione di politiche dello sport; - predisporre interventi e programmi finanziari, di sponsorizzazione, di marketing e di politiche di merchandising; - elaborare piani strategici di breve e lungo periodo; - predisporre bilanci e indirizzare l'attività manageriale; - prestare consulenza nei confronti di titolari di imprese sportive e di membri di organizzazioni sportive; - coordinare attività, servizi ed eventi. I laureati magistrali dovranno integrare le acquisizioni delle scienze sportive e motorie, con quelle economiche, giuridiche e psico-sociologiche ad esse correlate, in un contesto multidisciplinare. A tale proposito, il corso propone un'offerta formativa che garantisca, sulla base di prerequisiti scientifici del movimento umano e dell'organizzazione sportiva ricollegabili alle scienze dello sport, il raggiungimento di conoscenze avanzate e competenze specialistiche che consentano di conseguire gli obiettivi formativi specifici di cui sopra. Il percorso formativo prevede, dunque, una articolazione coerente con il maggiore sviluppo degli ambiti disciplinari afferenti alle attività formative caratterizzanti (ambito delle discipline motorie-sportive, economico, giuridico e psicosociologico), integrate con ambiti disciplinari di carattere affine o integrativo ai precedenti che forniscano strumenti e metodologie più adeguati per la comunicazione istituzionale e professionale di alto livello anche in ambito interculturale (ambito linguistico ed informatico) nonché di conoscenze tecniche per la gestione di impianti (ambito medico con declinazione igienico-sanitaria). Gli obiettivi formativi specifici, per la loro complessità e novità, richiedono competenze specialistiche e diversificate di cui il corso si avvale. Inoltre, con cadenza annuale, saranno istituiti percorsi di controllo della qualità, mediante la valutazione da parte degli studenti e il controllo continuo del percorso di studi, in termini di superamento degli esami, durata del corso di studi, percentuali di abbandono. Ciclicamente verranno analizzati gli esisti occupazionali dei laureati mediante indagini di follow-up e un monitoraggio più efficace rappresentato dalla redazione di un elaborato richiesto per la redazione della prova finale.

Il costo della retta è di 3.000,00.

Per gli studenti diversamente abili e per quelli iscritti ad una delle associazioni, sindacati o enti convenzionati con l’Ateneo, sono previste particolari agevolazioni economiche.

Il pagamento può essere suddiviso in due rate da € 1.500,00 di cui la prima all'atto dell'immatricolazione (o dell'iscrizione in caso di trasferimento) e la seconda entro il 31 marzo. Oltre tale termine sono dovute le more secondo l’allegata tabella.

Lo studente che si iscrive per la prima volta all’Ateneo in corso d’anno successivamente al 31 dicembre, provvede al versamento della seconda rata entro e non oltre il 30 giugno. Oltre tale termine sono dovute le more secondo l’allegata tabella.

Il pagamento può essere effettuato on-line tramite e-commerce o a mezzo bonifico bancario alle seguenti coordinate:

Università Telematica Pegaso
Banca Generali
IBAN: IT 07 I 03075 02200 CC8500647141

Oltre al costo della retta è previsto il pagamento di € 172,00 per "Contributi e servizi allo studente" (*) relativo al Programma Alumni e per le imposte di bollo vigenti. Il pagamento è dovuto anche per gli anni successivi all’iscrizione e dovrà essere effettuato alle seguenti coordinate:

Conto corrente Postale n. 001007401050
intestato a Università Telematica Pegaso

Per qualsiasi problema di carattere tecnico relativo alla procedura d’immatricolazione, si prega di contattare direttamente il call center al numero verde 800.185.095. od inviare una mail all’indirizzo immatricolazioni@unipegaso.it.


* Oltre Tassa Regionale, se dovuta (poichè l'Università Telematica svolge la propria offerta formativa online e su tutto il territorio nazionale).

- Manager sportivo: ruolo in grado di combinare aspetti tecnici con capacità economico-gestionali, di progettazione, organizzazione, gestione e promozione di servizi e di strutture per le attività sportive, ricreative e professionali; - Organizzatore e gestore di attività e di eventi sportivi - Direttore sportivo; - Sport marketing manager, promoter sportivo, redattore di prodotti editoriali-multimediali, sport communication manager, organizzatore di eventi, gestore di impianti; Operatore di Federazioni e Leghe, gestore di impianti presso enti locali, insegnante di educazione fisica; - Gestore di palestre, centri fitness, società di consulenza nel marketing e nella comunicazione; Dirigente sportivo in realtà sia profit che no profit; - Imprenditore nel settore sportivo e nelle imprese ad esso collegate (fornitori di beni strumentali, media, agenzie di comunicazione); Il laureato nel corso di Laurea Specialistica in Management dello Sport e delle Attività Motorie, relativamente al settore di riferimento, potrà ricoprire i seguenti principali ruoli professionali: - responsabile programmazione e gestione di impianti sportivi atti a sviluppare politiche di valorizzazione del territorio; - responsabile delle attività connesse alle Federazioni Sportive Nazionali, Enti di promozione sportiva, società ed associazioni sportive; - responsabile di Centri e strutture pubbliche o private per le attività motorie ludiche e ricreative e per le attività connesse alla cura della salute; - esperto di organizzazione di eventi e manifestazioni ludico-motorie e sportive; - esperto dell'accreditamento e della sicurezza di impianti sportivi; - esperto in comunicazione e marketing delle attività sportive e dei prodotti commerciali ad esse connessi; - esperto di politica dello sviluppo dello sport e del benessere psico-fisico. In particolare, ad integrazione di quelle indicate, le professioni cui il corso di Laurea Magistrale è finalizzato sono: - Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese in altri settori di attività economica (direttore, gestore, responsabile di piccola azienda per le attività sportive; imprenditore di piccola azienda per le attività sportive). Le professioni classificate in questa categoria, nell'ambito delle imprese o organizzazioni che operano nei settori economici dell'istruzione, della sanità e dell'assistenza sociale, delle attività culturali, ricreative e sportive servizi alle persone, di igiene ambientale e di pulizia, definiscono, pianificano, implementano e gestiscono le politiche e le strategie di produzione e ne valutano i risultati; negoziano con i fornitori e i clienti, programmano e controllano l'uso efficiente delle risorse; reclutano personale e definiscono i processi di innovazione organizzativa e produttiva. Non sono direttamente impegnati nel processo materiale di produzione. - Organizzatori di eventi e di strutture sportive (direttore di palestra, manager di spettacoli sportivi, organizzatore sportivo, responsabile delle relazioni per le manifestazioni sportive): le professioni classificate nell'unità organizzano eventi e competizioni sportive e dirigono le attività sportive di palestre e di altre strutture. L'ambito di svolgimento di dette attività, anche in considerazione del carattere globalizzante e naturalmente proiettato verso dimensioni ultranazionali dell'ambito sportivo, del relativo ordinamento e delle attività economiche ad esso correlate riguarda il contesto nazionale e auspicabilmente quello comunitario.

Le attività formative (insegnamenti, laboratori, prova finale) sono misurate in crediti che documentano l'impegno dello studente nello svolgimento dell'attività stessa. Ogni credito corrisponde a 25 ore di impegno complessivo.

Il sistema dei crediti è stato introdotto sia per facilitare la mobilità degli studenti tra i diversi atenei, anche stranieri, sia per permettere di riconoscere attività formative, ad esempio gli stages, che non rientrano nell'usuale schema (lezioni) + (esame finale).

L'introduzione dei crediti non ha però comportato la sparizione dei voti che, quindi, continuano ad essere assegnati come misura, non solo del lavoro svolto, ma anche della qualità dell'apprendimento raggiunto. Seguendo la tradizione universitaria, i voti degli esami sono espressi in trentesimi, mentre il voto finale di laurea è espresso in centodecimi e lode.

Nel piano delle attività formative è indicato il numero dei crediti attribuiti ad ogni singola attività.

I criteri di accesso al corso sono definiti in modo che i CFU già acquisiti dallo studente garantiscano una adeguata conoscenza di base per l'accesso alla laurea magistrale. Per l'accesso al corso si richiede il conseguimento di un determinato numero di CFU nelle discipline, "Discipline motorie e sportive, Aziendale, Giuridico, Economico" secondo quanto precisato nel regolamento didattico del corso di laurea magistrale, nel quale sono definite anche le modalità di verifica - obbligatoria in ogni caso - dell'adeguatezza della personale preparazione. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale occorre essere in possesso di laurea, oppure di altro titolo di studio equivalente, anche conseguito all'estero, riconosciuto idoneo sulla base dei requisiti curriculari minimi previsti dalla classe e verificati al momento dell'accesso al corso di laurea. Oltre al titolo di laurea l'ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata al possesso di specifici requisiti curriculari e all'adeguatezza della preparazione personale, così come da regolamento del CdS.